Questo post è disponibile anche in: enEnglish deDeutsch

“Il promontorio di Capo Vaticano è il punto più antico del Mediterraneo. Il suo granito appartiene ad una orogenesi precedente a quella alpina. Viene studiato in tutti gli istituti geologici del mondo, e gli scienziati vi leggono vicende risalenti milioni di anni fa.”

Qui la natura è sovrana ed offre, ben conservate vestigia di nobili quanto povere architetture contadine e tanti prati, boschi, montagne e costiere.
Su di esse cresce la ginestra, il corbezzolo, l’agave il rosmarino, la palmetta nana e monte altre. Qui fruttifica il banano. Numerose sono le colture contadine che vanno dalla rinomata cipolla rossa di Tropea ai fichi e fichi d’India, dalle arance, ai limoni e ai mandarini, dall’olivo alla quercia, al mandorlo ecc..

La distesa del promontorio di Capo Vaticano che si propaga verso Tropea – Parghelia è caratterizzata da lussureggianti orti famosi per la “Rossa di Tropea”. Stiamo parlando della cipolla rossa di Tropea >>

L’ambiente marino, è da sempre famoso per la sua purezza dovuta alla totale assenza di industrie e di grandi centri urbani costieri.

Vi si può scoprire il corallo o pescare dentici, marmore, cernie, ricciole, pesci luna e rondine, aguglie, spatole, sarde, alici, gronchi, murene, polpi, ecc…

5
cipolle di Tropea

Questo post è disponibile anche in: enEnglish deDeutsch